Cos’è il Cinecircolo? Postato 8 maggio 2015 da Piotr Anzulewicz

0

image_pdfimage_print

logo50x49Il «Circolo Culturale San Francesco», in risposta alla ricerca di un valido punto di riferimento culturale, di dialogo e di incontro interpersonale, offre una nuova opportunità per tutti, giovani e adulti: il «Cinecircolo».

Ispirandosi alla figura di frate Francesco, e di conseguenza alla cultura della fraternità universale, dell’accoglienza cordiale e della solidarietà profonda, esso intende fare del cinema: 1. un’opportunità educativa, 2. un luogo di socializzazione, 3. un’occasione per costruire cultura. Sono queste, in sostanza, le tre grandi metafore che s’intrecciano lungo l’intera storia del cineforum in Italia, connotandone e scandendone le epoche dell’impegno, della crisi e della ripresa.

PellicolaÈ nell’epoca di ripresa, che segna – insieme all’uscita del cinema dalla crisi simbolica, dal riflusso nel privato e dal consumo individualista dell’«home video» – il ritorno dell’interesse culturale ed educativo per il cinema, consumato e discusso nel contesto sociale, va pensato il nostro compito di programmazione e di animazione socio-culturale. Un compito di grande responsabilità, soprattutto se posto in tensione con le sfide, drammi e tormenti del nostro tempo, non privo di formidabili provocazioni, ma anche di straordinarie grazie. In una società che si sforza di organizzarsi pubblicamente senza far riferimento a valori confessionali ed è percorsa ovunque da fermenti di secolarizzazione, l’attività cineforiale del Circolo può divenire anche importante veicolo di valori alti, umanistici, sociali…, ispirati dal cristianesimo, come la visione dell’uomo, il matrimonio e la famiglia, il bene comune, la distinzione tra sfera religiosa e sfera politica.

Pellicola (dreams)In una cultura, che sempre più si configura come cultura della spettacolarità generalizzata (con quanto ne consegue), il Cinecircolo, nella sua prima edizione, con il ciclo «Calabria mon amour», presenta pellicole su temi-storie ambientate sul territorio calabrese, per rendere conoscibile un patrimonio cinematografico legato direttamente ai paesi, alle città e ai luoghi che, ospitando i set, le troupe e i cast, sono diventati famosi, o ai personaggi del cinema, di nascita o di famiglia calabrese, che si sono fatti conoscere in tutto il mondo. Così sapremo anche meglio comprendere la nostra storia, la nostra cultura e le nostre tradizioni, apprezzarne la bontà e comunicare la bellezza, attraverso il coinvolgimento personale, la prossimità e il dialogo, sulle strade digitali del nostro mondo contemporaneo, affollate di umanità, spesso ferita: uomini e donne che cercano una salvezza o una speranza.È un omaggio alla terra di Calabria, spesse volte dimenticata e mai sufficientemente apprezzata per le infinite qualità paesaggistiche, folcloristiche,faunistiche, culinarie, ed ai suoi abitanti.

Durante il cinedibattito, che seguirà ogni proiezione del film, potremo reimparare ad ascoltare, comunicare e fruttificare, nella prossimità e in modo inclusivo, rispettoso e costruttivo, favorendo uno sguardo d’insieme.  «Ridurre le distanze, venendosi incontro a vicenda e accogliendosi, è motivo di gratitudine e gioia» (Messaggio del Papa per la 49ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali 2015: «Comunicare la famiglia: ambiente privilegiato dell’incontro nella gratuità dell’amore»).

Piotr Anzulewicz OFMConv

Cinecircolo (Edizione I) 2

Lascia un commento