«Dio è donna e si chiama Petrunya»: 13ª Serata cinematografica con «cocktail» [242]

Apr

21

Ora: 19.00-21.00
Luogo: Salone «S. Elisabetta d'Ungheria» presso la chiesa «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido

image_pdf

La 13ª Serata cinematografica, con la proiezione del film «Dio è donna e si chiama Petrunya» (titolo orig. Gospod postoi, imeto i’ e Petrunija) di Teona Strugar Mitevska e con il cinedibattito «Donne che assumono il veicolo di una “libertà che guida il popolo” contro l’ostruzionismo maschilista», ideata nell’ambito della 10ª edizione del CineCircolo dal «file rouge»: «Donne, ‹sorelle tutte›, che ‹fanno bello il mondo›, per immagini», nel solco della fase narrativa del cammino sinodale, ispirata ai grandi testi dell’autorità educativa della Chiesa

[1. «Messaggio alle donne» di Paolo VI (8.12.1965); 2. Lettera apostolica «Mulieris dignitatem» sulla dignità e vocazione della donna (15.08.1988) e «Lettera alle donne» di Giovanni Paolo II (29.06.1995); 3. Esortazione apostolica «Evangelii gaudium» sull’annuncio del Vangelo nel mondo attuale (24.11.2013) ed Enciclica «Fratelli tutti» sulla fraternità universale e l’amicizia sociale di Francesco (3.10.2020); 4. «I cantieri di Betania›: prospettive per il secondo anno del cammino sinodale» (5.07.2022) e «Sintesi nazionale della fase diocesana» del Sinodo 2021-2023 «Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione» della CEI (15.08.2022)],

promossa dal Circolo Culturale San Francesco ed aperta gratuitamente a tutti: credenti e «laici», vicini e lontani – la 242ª di seguito, con decorrenza dal 10 gennaio 2014.

«Dio è donna e si chiama Petrunya»

Regia: Teona Strugar Mitevska. Genere: Drammatico. Paese: Macedonia/Belgio/Slovenia/Croazia/Francia. Anno: 2019. Durata: 100′

Sinossi: Il film palesa tutta la sua satira nei confronti di una realtà patriarcale, fuori dal tempo, in cui la religione pesa più dello Stato e la donna è spesso relegata a semplice appendice “domestica” priva di una sua autonomia e dignità. Petruyna, goffa e stordita dagli eventi, non ci sta e nella macchina da presa della Mitevska, palesa tutta l’ipocrisia di una società balcanica fortemente oppressiva nei confronti della donna, donna appunto che assume il veicolo di una “libertà che guida il popolo” con tutte le sue insicurezze e dogmi (in primis dettati dai genitori) contro l’ostruzionismo maschilista. E lo fa, con l’aiuto di una giovane giornalista che anche lei cerca di dare visibilità alla lotta, in accordo alla solidarietà femminista, senza necessità di emigrare, là oltre quella Macedonia, assai poco meritocratica e chissà forse dai comportamenti similari ad alcune zone del nostro evoluto Occidente.

In presenza e online @circoloculturalesanfrancescocatanzaro

Cinedibattito

«Donna, il veicolo di una “libertà che guida il popolo”

con tutte le sue insicurezze e dogmi contro l’ostruzionismo maschilista»

Programma

  1. Music video «Imparare ad essere una donna» di Fiorella Mannoia (3:14′)
  2. Saluto iniziale e introduzione alla Serata (1:00′)
  3. Sguardo all’articolo «Spinti ad un volo, oltre i confini…» e alla galleria fotografica della Serata precedente con la proiezione del film «Tre colori – Film blu» di Krzysztof Kieślowski [240] (3:00′)
  4. Sinossi del «Dio è donna e si chiama Petrunya» di Teona Strugar Mitevska (1:10′)
  5. Proiezione (60:00′)
  6. Cinedibattito: Interventi/Video/Musica

[6.1. Piotr Anzulewicz OFMConv: «Dio esiste e se fosse donna?» (4:00′); 6.2. Videoclip «Alda Merini a tutte le donne» con il brano musicale «May it be» di Enya (4:51′); 6.3. Marialuisa Mauro: «Dio è donna ed è stato così sin dall’inizio dei tempi» (4:00′); 6.4. «In piedi, signori, davanti a una donna» (3:06′); 6.5. Umberto Galimberti: «L’illusione della libertà» [1] (0:00′-19:15′); 6.6. Music video «Ogni istante» di Elisa Toffoli (5:24′); 6.7. Umberto Galimberti: «L’illusione della libertà» [2] (56:00′-58:36′); 6.8. Music video «Donna Vita Libertà» di Fabio Tricomi e Azadeh Ahmadian in omaggio alle donne, in particolare a quelle in Iran e Ucraina (2:33′) e «Alle donne brutte» di Gian Piero Alloisio (3:23′)]

  1. Comunicazioni del presidente Luigi Cimino relative al Circolo, annuncio dei prossimi eventi da parte della sottosegretaria Lucia Scarpetta [mercoledì 26 aprile: 9° incontro del Laboratorio musicale; venerdì 28 aprile: 14ª Serata conviviale (243) focalizzata su tre donne mistiche «sotto osservazione»: Louise Lateau, Maria Simma e Natuzza Evolo, con la partecipazione straordinaria di don Michele Cordiano, confessore di Natuzza e primo rettore della chiesa «Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime» di Paravati], foto di gruppo e momento conviviale
  2. Music video «L’amore vince tutto» di Gen Rosso (4:05′)