0

image_pdfimage_print

Schede: 11-18 gennaio 2015

Battestimo - Papa Francesco battezza... Domenica 11 gennaio: Battesimo del Signore (si chiude il tempo natalizio ed apre quello ordinario fino al Mercoledì delle Ceneri, 18 febbraio). & In Vaticano, nella Cappella Sistina, Messa presieduta da Papa Francesco con il battesimo di 33 bambini (ore 9.30-11) e, in Piazza S. Pietro, preghiera mariana dell’Angelus Domini con i pellegrini (ore 12-12.30: http://player.rv.va/rv.player01.asp? language=it&visual=VaticanTic&Tic=VA_KI8EPBZ5). & Al «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido, nel Salone «S. Elisabetta d’Ungheria», dopo la Messa delle ore 11.30, estrazione dell’immaginetta del santo che ci accompagnerà tutto l’anno come intercessore e protettore, nonché come esempio da seguire (evento, organizzato dalla Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare, è aperto a tutti i parrocchiani).

Papa Francesco in Sri LLankaPapa Francesco nelle Filippine (logo)▪ Lunedì 12 gennaio: Nel monastero di Rievaulx in Northumberland (Inghilterra), s. Aelredo († 1166/7), monaco anglo-sassone, abate cistercense, insigne maestro di vita monastica, autore di numerosi testi di spiritualità fra i quali Speculum charitatis (Lo specchio della carità), De spirituali amicitia liber (L’amicizia spirituale) e il trattato di mistica cistercense De Jesu puero duodenni (Gesù a dodici anni), chiamato per le sue attività di scrittore ed amministratore il San Bernardo di Chiaravalle del Nord& A Palermo, s. Bernardo da Corleone († 1667), fratello laico dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, cuciniere e lavandaio, insigne per la mirabile carità e lo spirito di penitenza, simbolo per la sua città che vuole riscattarsi dalla fama di coppole e padrini (In circostanze di calamità naturali, come terremoti e uragani, si fece mediatore davanti al Tabernacolo, lottando come Mosè: «Piano, Signore, piano! Usateci misericordia»), canonizzato da Giovanni Paolo II nel 2001. & In Vaticano, nella Sala Regia, incontro di Papa Francesco con il Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, per lo scambio di auguri di inizio anno (ore 10.25-11.30: http://player.rv.va/rv.player01.asp?language=it&visual=VaticanTic&Tic=VA_AN71FD8B). & All’Aeroporto Internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino,partenza di Papa Francesco per il viaggio apostolico in Sri Lanka e nelle Filippine (13-19 gennaio), il secondo in Asia, il settimo nel mondo (ore 18.50: http://player.rv.va/ rv.player01.asp?language=it&visual=VaticanTic&Tic=VA_AN71FD8B).

DSC04007▪ Martedì 13 gennaio: S. Ilario di Poitiers († 367), vescovo e dottore della Chiesa, detto «l’Atanasio dell’Occidente», per la sua tenace opposizione all’arianesimo (eresia trinitaria sorta ad Alessandria all’inizio del IV sec.). & In Sri Lanka, a Colombo, incontro di Papa Francesco con i vescovi nell’Arcivescovado (ore 13.15), visita di cortesia al Presidente della Repubblica nella residenza presidenziale (ore 17) e incontro interreligioso con esponenti e membri delle comunità buddhista, indù, musulmana e di confessioni cristiane nel Bandaranaike Memorial International Conference Hall (ore 13.40-14.45: http://player.rv.va/rv.player01.asp?language=it&visual=VaticanTic&Tic=VA_227OWC24 e trasmissioni video in diretta dal Centro Televisivo Vaticano). & A Esztergom in Ungheria, su richiesta del prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il card. Gerhard L. Müller, accolta dal card. Péter Erdö, arcivescovo di Esztergom-Budapest, incontro tra i superiori del Dicastero vaticano e i presidenti delle Commissioni dottrinali delle Conferenze episcopali d’Europa, per rafforzare la reciproca collaborazione nella promozione e nella tutela della dottrina della fede, tenendo conto delle istanze locali e regionali (13-15 gennaio). & Al «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido, onomastico di P. Ilario, parroco (Il Signore lo sorregga sempre e ispiri per testimoniare la bellezza della fede verso il suo ‘gregge’, sospingendoci tutti a partecipare con entusiasmo alla vita parrocchiale e a rafforzare la coesione e l’unione tra tutti i gruppi parrocchiali).

▪ Mercoledì 14 gennaio: A Udine, b. Odorico da Pordenone († 1331), francescano, missionario in Estremo Oriente, «apostolo dei Cinesi» (I suoi viaggi e la predicazione per piantare la Chiesa in Cina ci spingono a pregare per la difficile situazione dei cristiani cinesi, fino ad oggi privati della libertà di religione e di culto). In Sri Lanka, visita di Papa Francesco: nel Parco Galle Face Green di Colombo, Messa e canonizzazione del b. Giuseppe Vaz, primo santo dello Sri Lanka (ore 15.15-18.15), e, nel santuario di Nostra Signora del Rosario di Madhu, preghiera mariana per il consolidamento della pace raggiunta nel 2009 al termine di un conflitto interno al Paese trentennale: http://player.rv.va / rv.player01.asp?language=it&visual =VaticanTic&Tic=VA_227OWC24).

Eucaristia (W. Congdon)▪ Giovedì 15 gennaio: S. Arnold Janssen († 1909), sacerdote, insegnante e missionario tedesco, fondatore della Società del Verbo Divino (Verbiti) e delle Congregazioni femminili, proclamato santo da Giovanni Paolo II nel 2003 («Dinanzi alla luce del Verbo e allo Spirito della grazia recedano le tenebre del peccato e la notte del paganesimo. E il Cuore di Gesù viva nel cuore degli uomini» ─ è la preghiera che faceva recitare al termine di ogni riunione). & In Sri Lanka, visita di Papa Francesco: visita alla cappella «Our Lady of Lana» a Bolawalana (ore 8.15), cerimonia di congedo all’Aeroporto Internazionale di Colombo e partenza per Villamor Air Base di Manila (ore 8.45). & A «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido, adorazione eucaristica  del 3° giovedì del mese (ore 17-18).

Protomartiri francescani - martirio▪ Venerdì 16 gennaio: Ss. Berardo, Ottone, Pietro, Accursio e Adiuto († 1220, Marocco), primi martiri dell’Ordine francescano mandati da s. Francesco ad annunciare il Vangelo ai musulmani, catturati a Siviglia, condotti a Marrakesch, in Mauritania nell’odierno Marocco, e trafitti con la spada per ordine del capo dei Mori, canonizzati dal pontefice francescano Sisto IV nel 1481 (I loro corpi furono portati nella chiesa di Santa Croce di Coimbra, ove sono ancora oggi oggetto di venerazione). &  Nelle Filippine, a Manila, visita di Papa Francesco: cerimonia di benvenuto al Palazzo presidenziale e visita di cortesia al Presidente (ore 9.15), incontro con le Autorità e il Corpo diplomatico nella Rizal Ceremonial Hall del Palazzo presidenziale (ore 10.15), Messa con vescovi, sacerdoti, religiose e religiosi nella cattedrale dell’Immacolata Concezione a Manila (ore 11.15) e incontro con le famiglie nel Mall of Asia Arena a Manila (ore 17.30).

▪ Sabato 17 gennaio: S. Antonio († 356), eremita egiziano, fondatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati, protettore degli animali domestici, invocato contro tutte le malattie della pelle e contro gli incendi (Il suo nome è fra i più diffusi del cattolicesimo, anche se nel sec. XIII è stato soppiantato dal grande omonimo Santo di Padova; nell’Italia meridionale, per distinguerlo, è chiamato “Sant’Antuono”). & 19ª Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo religioso, della stima, dell’amicizia e della collaborazione fraterna tra cattolici ed ebrei, i “nostri fratelli maggiori”, come li ha chiamati Giovanni Paolo II in occasione del memorando incontro con la Comunità ebraica di Roma il 13 aprile 1986 («Non pronuncerai falsa testimonianza contro il tuo prossimo» – recita la Nona Parola di Esodo 20,16: è questo il tema del sussidio 2015 che l’Ufficio Nazionale per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso della CEI ha diffuso in preparazione a questa Giornata, in continuità con i temi degli anni precedenti, i quali riprendono le Dieci Parole dell’Alleanza tra Dio e Israele, fondamentali anche per la fede cristiana. L’augurio è che cristiani ed ebrei, fratelli gemelli, possano continuare a riconoscersi reciprocamente come «il prossimo» da accogliere nella verità, da accompagnare nel cammino, da sostenere nell’amore; un augurio che diventa preghiera comune all’Eterno, fonte di vita e di verità per tutti). & Nelle Filippine, visita di Papa Francesco: partenza in aereo da Manila per Tacloban (ore 8.15), Messa accanto al Tacloban International Airport (ore 10), pranzo con alcuni superstiti del tifone Yolanda e del terremoto dell’ottobre 2013 nella residenza dell’arcivescovo di Paolo (ore 12.45), benedizione del Pop Francis Center for the Poor (ore 15), incontro con sacerdoti, religiose, religiosi, seminaristi e famiglie dei superstiti nella cattedrale di Palo (15.30), partenza in aereo per Manila (ore 17).Rifuggiati con le mani tese

Domenica 18 gennaio: 2ª Domenica del tempo ordinario. & 101ª Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato dal tema: «Chiesa senza frontiere: madre di tutti»  (Si veda il Messaggio di Papa Francesco: https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/ pubblico/2014/09/23/0664/01472.html). & Inizio della Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani con il motto tratto dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 4,7): «Dammi un po’ d’acqua da bere» (Per i testi, congiuntamente preparati e pubblicati dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani e la Commissione «Fede e Costituzione» del Consiglio Ecumenico delle Chiese: http://www.vatican.va /roman_curia/pontifical_councils/chrstuni/weeks-prayer-doc/rc_pc_chrstuni_doc_20140611_week-prayer-2015_it.html. Il tema del 1° giorno di questo ottavario è: «[…] perciò doveva attraversare la Samaria» [Gv 4,40]). & Nelle Filippine, visita di Papa Francesco: incontro con i leaders religiosi delle Filippine nell’Università Santo Tomas a Manila (ore 9.45), incontro con i giovani nel campo sportivo dell’Università (ore 10.30), Messa nel Rizal Park a Manila (15.30). & Presso Buda in Ungheria, s. Margherita († 1270), principessa e religiosa: figlia del re Bela IV, promessa in voto a Dio dai suoi genitori per la liberazione della patria dai Tartari e affidata in tenera età alle monache dell’Ordine dei Predicatori, una delle più grandi mistiche medievali d’Ungheria. & Al «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido, compleanno di P. Ilario, parroco («Ad multos et plurimos annos!»).

Bambino e recinto«La Chiesa senza frontiere, madre di tutti, diffonde nel mondo – leggiamo nel Messaggio di Papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2015 – la cultura dell’accoglienza e della solidarietà, secondo la quale nessuno va considerato inutile, fuori posto o da scartare. (…) Gesù Cristo è sempre in attesa di essere riconosciuto nei migranti e nei rifugiati, nei profughi e negli esuli, e anche in questo modo ci chiama a condividere le risorse, talvolta a rinunciare a qualcosa del nostro acquisito benessere. (…) I movimenti migratori, infatti, sollecitano ad approfondire e a rafforzare i valori necessari a garantire la convivenza armonica tra persone e culture. A tal fine non può bastare la semplice tolleranza, che apre la strada al rispetto delle diversità e avvia percorsi di condivisione tra persone di origini e culture differenti. Qui si innesta la vocazione della Chiesa a superare le frontiere e a favorire “il passaggio da un atteggiamento di difesa e di paura, di disinteresse o di emarginazione (…) ad un atteggiamento che abbia alla base la ‘cultura dell’incontro’, l’unica capace di costruire un mondo più giusto e fraterno” (Messaggio per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2014)».

Amici, giunga ad ognuno di voi l’augurio di una settimana serena e interiormente intensa, per la gioia di essere «amati», come Gesù, «l’Amato» (Mc 1,11).

Piotr Anzulewicz OFMConv

Lascia un commento