Per essere credibili… Postato 20 aprile 2015 da Piotr Anzulewicz

0

image_pdfimage_print

Barcone di immigranti (neri)«Il contenuto della testimonianza cristiana – ha osservato Papa Francesco il 19 aprile, al Regina Caeli, in Piazza S. Pietro a Roma, prima delle parole sull’immane tragedia di migranti nel Canale di Sicilia, a circa 60 miglia a Nord della Libia – non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti oppure un moralismo, ma è un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi, una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti». Ed ha aggiunto che tutti i cristiani sono chiamati a diventare testimoni di Gesù risorto: «E la sua testimonianza è tanto più credibile quanto più traspare da un modo di vivere evangelico, gioioso, coraggioso, mite, pacifico, misericordioso. Se invece il cristiano si lascia prendere dalle comodità, dalla vanità, dall’egoismo, se diventa sordo e cieco alla domanda di “risurrezione” di tanti fratelli, come potrà comunicare Gesù vivo, la sua potenza liberatrice e la sua tenerezza infinita?».

20-30 aprile 2015

▪Lunedì 20 aprile: S. Aniceto († ca. 166), di origine sira, il 10° successore di s. Pietro, il primo Papa – secondo la tradizione – ad essere sepolto in quelle che poi sarebbero diventate le Catacombe di S. Callisto (durante il suo pontificato accolse a Roma il vescovo di Smirne, Policarpo, l’ultimo dei discepoli degli apostoli, per discutere la data della Pasqua, celebrata in Occidente di domenica e in Oriente il 14 giorno di Nisan [= il settimo mese del calendario ebraico secondo il computo ordinario], in ricordo dell’uscita degli ebrei dall’Egitto).

Anselmo d'Aosta▪Martedì 21 aprile: S. Anselmo d’Aosta († 1109), noto anche come Anselmo di Canterbury, benedettino, vescovo, teologo e filosofo, considerato tra i massimi esponenti del pensiero medievale di area cristiana, noto soprattutto per i suoi argomenti a dimostrazione dell’esistenza di Dio, tra cui il cosiddetto argomento ontologico, «dottore della Chiesa», e s. Corrado Birndorfer da Parzham († 1894), cappuccino bavarese, portinaio del convento di Altötting, canonizzato nel 1934 da Pio XI come il secondo santo della Germania dopo la riforma protestante, presentato nell’iconografia con la croce in mano o nell’atto di distribuire la carità ai poveri, compatrono della provincia cappuccina di Baviera e dell’Ungheria e patrono delle unioni giovanili, dell’Opera Serafica di Carità e della gioventù cattolica di Würzburg.

▪Mercoledì 22 aprile: B. Egidio da Assisi († 1262), il terzo ‘compagno’ a seguire frate Francesco d’Assisi, dopo Bernardo di Quintavalle e Pietro Cattani, chiamato «il cavaliere della nostra tavola rotonda», pellegrino a Roma, Compostella, Gerusalemme, Monte Gargano e Bari, noto per i suoi «dicta» o «detti», cioè brevi e concisi consigli popolari sulla perfezione cristiana, squisitamente umani e ricchi di una vena Giornata della terrapittoresca di originalità che riflettono il precoce spirito francescano. & 45ª Giornata Mondiale della Terra (in inglese: Earth Day),un avvenimento informativo ed educativo, per promuovere la custodia del nostro pianeta (‘custodire’ è più che salvaguardare: nell’amore per il creato viene ricompresa la vita, la famiglia, le creature, i poveri) e sensibilizzare l’opinione pubblica a comportamenti sostenibili (l’Earth Day Italy sostiene la campagna «Cibo per tutti» di Caritas Internationalis).

Giornata mondiale del libro 2015▪Giovedì 23 aprileGiornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore, con la 1ª edizione di #ioleggoperché, un’iniziativa nazionale per la promozione del libro, curata dall’Associazione Italiana Editori, con il coinvolgimento delle scuole, delle università, delle biblioteche…: Getta un seme che è destinato a germogliare. S. Giorgio († ca. 303), martire, sepolto a Lidda (Lod) presso Tel Aviv in Israele, invocato come protettore da tutti i combattenti e patrono degli arcieri, scout, esploratori/guide AGESCI, raffigurato dalla tradizione popolare come il cavaliere che affronta il drago, simbolo della fede intrepida che trionfa sulla forza del maligno (con i Normanni il suo culto si radicò in modo straordinario in Inghilterra: nel 1348, re Edoardo III istituì il celebre grido di battaglia: «Saint George for England!», istituendo l’Ordine dei Cavalieri di S. Giorgio o della Giarrettiera), e s. Adalberto/Wojciech († 997), vescovo di Praga, intrepido missionario in Polonia e tra i prussiani, trucidato con i suoi compagni benedettini presso la costa baltica. & Onomastico di Papa Jorge Mario Bergoglio, che s’ispira al Poverello di Assisi e domanda al «popolo» di pregare per lui: Auguri, Santità! & A Catanzaro – S. Janni, nella Parrocchia «Maria Madre della Chiesa», Convegno sul tema: «Il pane della vita. Cibo, Eucaristia e solidarietà», organizzato dal Centro Studi Verbum e promosso dall’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace, Movimento Apostolico e Zenit (ore 17.30-: http://www.diocesicatanzaro squillace. it/download/ pane_vita_ catanzaro_ 230415.pdf).

▪Venerdì 24 aprile: S. Fedele da Sigmaringen († 1622), di origine fiamminga, cappuccino, missionario nella zona protestane dell’Europa centrale, chiamato «l’avvocato dei poveri», perché difendeva gratuitamente coloro che non avevano denaro a sufficienza per pagarsi un avvocato, ucciso con le spade dai soldati austriaci, canonizzato nel 1746 da Benedetto XIV come il protomartire della Propaganda Fide. & 10° anniversario della Messa di inizio del pontificato di Benedetto XVI (2005), ora Papa emerito: solo nell’amicizia con Cristo «si dischiudono realmente le grandi potenzialità della condizione umana. (…) non abbiate paura di Cristo! Egli non toglie nulla, e dona tutto. Chi si dona a lui, riceve il centuplo. Sì, aprite, spalancate le porte a Cristo – e troverete la vera vita».

festa_liberazione▪Sabato 25 aprile: Giornata Mondiale contro la Malaria (oggi muore un bambino ogni 60 secondi: la malaria uccide ancora 660 mila persone ogni anno, molte delle quali sono ragazzini africani). & 70° anniversario della Liberazione d’Italia, chiamato anche anniversario della Resistenza o semplicemente 25 aprile, una delle feste istituzionali più importanti, per la commemorazione degli eventi storici della 2ª guerra mondiale – che portarono alla liberazione di Milano e di quasi tutte le città del Nord dall’occupazione nazi-fascista – e del fenomeno della Resistenza partigiana costituita da differenti soggetti (cattolici, comunisti, monarchici, liberali, socialisti, azionisti) confluiti nel Comitato di Liberazione Nazionale, movimento nato nell’autunno 1943 e di cui fecero parte circa 300 mila uomini e san_marco_2donne, e i cui caduti furono circa 44 700. & S. Marco († ca. 68), evangelista, discepolo dell’apostolo Paolo e in seguito di Pietro, chiamato «lo stenografo di s. Pietro», patrono di Venezia e protettore dei notai, scrivani, pittori su vetro, vetrai, ottici (il Vangelo scritto da lui con vivacità e scioltezza in ognuno dei 16 capitoli, tra il 50 e il 60, nel periodo in cui si trovava a Roma accanto a Pietro, segue uno schema semplice: la predicazione del Battista, il ministero di Gesù in Galilea, il suo cammino verso Gerusalemme, l’ingresso solenne nella città, la passione, morte e resurrezione; tema dell’annunzio di Marco è la proclamazione di Gesù come Figlio di Dio, rivelato dal Padre, riconosciuto perfino dai demoni, rifiutato e contraddetto dalle folle e pellegrinaggio_porto_2015dai capi). & Nell’arcidiocesi metropolitana di Catanzaro-Squillace, pellegrinaggio diocesano delle aggregazioni laicali, presieduto da mons. Vincenzo Bertolone, alla basilica «Madonna di Porto» di Gimigliano, con il motto: «In Gesù Cristo il nuovo umanesimo» (ore 9.30: Ritrovo sulla strada provinciale, nei pressi della Via Don Giuseppe Tedeschi; ore 10: Partenza a piedi con l’Arcivescovo; ore 11: Concelebrazione eucaristica; ore 15: Adorazione eucaristica comunitaria), e dal 25 al 28 aprile, festa delle vocazioni dal tema: «Uomini nuovi a immagine di Gesù», organizzata dalla Parrocchia «Santa Domenica V. efesta_vocazioni_2015 M.» a Torre di Ruggiero, con l’arrivo della reliquia di s. Annibale, sacerdote innamorato di Dio, dei poveri e dei giovani, da Messina nel santuario della Madonna delle Grazie (si veda il programma: http://www. Diocesi catanzaro squillace.it/download /festavocazioni aprile_2015.pdf).

Giornata delle vocazioni 2015Domenica 26 aprile: 4ª di Pasqua, chiamata anche di Gesù Buon Pastore. & 52ª Giornata Mondiale di Preghiera per le Vocazioni il cui tema, attinto dall’Evangelii gaudium (nn. 167 e 264), è: «Vocazioni e santità: toccati dalla bellezza» ((nel suo messaggio per l’occasione, il Papa ricorda che alla radice di ogni vocazione cristiana c’è un esodo da se stessi, un’esperienza dell’essere toccati dalla bellezza del Signore e una libera adesione ad agire con lui per il bene degli altri, i più bisognosi e i poveri: http://w2. vatican.va/ content/francesco /it/messages/vocations /documents/papa-francesco_ 20150 329_ 52-messaggio-giornata -mondiale-vocazioni.html). & A Roma, nella basilica vaticana, Messa presieduta da Papa Francesco con l’ordinazione sacerdotale dei 19 diaconi della diocesi di Roma (ore 9.30-: http://www.tv2000.it/live/).

▪Lunedì 27 aprile: S. Zita († 1278), domestica, sepolta nella basilica di S. Frediano a Luca, proclamata da Pio XII «patrona presso Dio delle domestiche e di tutte le donne addette alla cura della casa», protettrice delle casalinghe e dei fornai (a Lucca, presso la basilica di S. Frediano e l’anfiteatro, manifestazione floreale volta a ricordare il miracolo dei pani trasformati in fiori). & 1° anniversario della «Giornata dei 4 Papi»: Francesco e Benedetto sul sagrato, Giovanni XXIII – Papa del Concilio e della pace – e Giovanni Paolo II – Papa della Misericordia e della gioventù – sugli altari.

Grignon de Montfort▪ Martedì 28 aprile: S. Louis-Marie Grignon de Montfort († 1716), missionario apostolico nelle regioni nord-occidentali della Francia: nel Poitou (soprattutto in Vandea) e in Bretagna, fondatore delle Figlie della Sapienza e dei Monfortani, autore di diversi testi tra i quali il Trattato della vera devozione alla Santa Vergine, promotore del culto mariano e della pratica del Rosario, proclamato santo da Pio XII nel 1947; s. Pierre-Louis-Marie Chanel († 1841), sacerdote francese appartenente alla Società di Maria (Maristi), ucciso dagli indigeni dell’isola di Futuna, proclamato santo da Pio XII nel 1954 e venerato come protomartire e patrono dell’Oceania; s. Giovanna Beretta Molla († 1962), madre di famiglia, che, portando un figlio in grembo, morì anteponendo amorevolmente la libertà e la salute del nascituro alla propria stessa vita, proclamata beata nel 1994 e santa nel 2004 da Giovanni Paolo II.

Caterina▪ Mercoledì 29 aprile: S. Caterina da Siena († 1380), terziaria domenicana (o mantellata, per l’abito bianco e il mantello nero), morta a soli 33 anni, canonizzata dal Papa senense, Pio II, nel 1461, dichiarata patrona d’Italia con Francesco d’Assisi da Pio XII nel 1939, proclamata «dottore della Chiesa» da Paolo VI nel 1970 e compatrona d’Europa per nomina di Giovanni Paolo II nel 1999 («Niuno Stato si può conservare nella legge civile in stato di grazia senza la santa giustizia»: queste parole l’hanno resa celebre).

▪ Giovedì 30 aprile: S. Pio V († 1572), religioso dell’Ordine dei Frati Predicatori (domenicani), il 225° Papa e 133° sovrano dello Stato pontificio, che operò per la riforma della Chiesa in ogni settore, sulle linee tracciate dal Concilio di Trento, e pubblicò i nuovi testi del Messale (1570), del Breviario (1568) e del Catechismo romano, canonizzato da Clemente XI nel 1712 (la sua salma riposa nella patriarcale basilica di S. Maria Maggiore in Roma). & A Lamezia Terme, presso l’Oasi Bartolomea (Via del Progresso, 360), Seminario sul «Bene confiscato: dalla nascita al suo utilizzo», promosso dalla Delegazione Regionale Caritas Calabria, nell’ambito dei Seminari 2015 dedicati alla carità e giustizia in Calabria (ore 9-18.30: http://www.diocesicatanzaro squillace.it/download/ costruire_speranza_ seminari. pdf).

Piotr Anzulewicz OFMConv

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.