«L’amore trasfigura tutto» Postato 1 marzo 2015 da Piotr Anzulewicz

1

image_pdfimage_print

Viviamo il tempo di Quaresima come un percorso di formazione del cuore: un cuore che si lascia compenetrare dallo Spirito di Dio e portare sulle strade che conducono agli altri; un cuore povero che conosce le proprie povertà, sente il grido dei poveri e la sofferenza di chi ha perso la dignità, e si spende per loro.

«Nel cuore – ha affermato Papa Francesco il 22 febbraio all’Angelus, al termine del quale ha fatto distribuire ai presenti un piccolo sussidio per la riflessione quaresimale – si gioca la partita delle scelte quotidiane tra bene e male, tra mondanità e Vangelo, tra indifferenza e condivisione. L’umanità ha bisogno di giustizia, di pace, di amore e potrà averle solo ritornando con tutto il cuore a Dio, che ne è la fonte di tutto questo».

Donna con bambinoIl cuore si apre non solo all’affetto, ma all’amore pieno, ed è perciò in grado di farci spalancare gli occhi sugli altri e sulle loro sofferenze. «Quando nel nostro cuore – ha ribadito il Papa – trova posto il più piccolo dei nostri fratelli, è Dio stesso che vi trova posto. Quando quel fratello viene lasciato fuori, è Dio stesso che non viene accolto. Un cuore vuoto di amore è come una chiesa sconsacrata, sottratta al servizio divino e destinata ad altro». Il futuro dell’umanità è anche nel nostro cuore, colmo di amore…

1-8 marzo 2015

Trasfigurazione (H.D. Johnson)◊ Domenica 1 marzo: 2ª di Quaresima, detta della trasfigurazione del Signore (Gen 22,1-2,9.10-13.15-18; Sal 115; Rm 8,31b-34; Mc 9,2-10). & A Roma, in Piazza S. Pietro, preghiera mariana dell’Angelus Domini guidata da Papa Francesco, con una breve riflessione (ore 12-12.30: http: //player.rv.va/rv.player01.asp?language=it& visual=Vatican Tic&Tic =VA_96FDNKZO). & A Catanzaro, nel Pontificio Seminario Teologico «S. Pio X» (Viale Pio X, 160), 1° Workshop formativo per i comitati zonali dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catanzaro-Squillace in preparazione alla «Missione Giovani 2015», un’iniziativa rivolta ai giovani dai 18 ai 35 anni delle nostre Parrocchie (ore 9.30-).

Agnese di Boemia▪ Lunedì 2 marzo: A Praga, s. Agnese di Boemia († 1282), principessa, cugina di s. Elisabetta d’Ungheria, figlia del re Premysl Otokar I, una delle donne più importanti d’Europa del XIII sec., che, rifiutate nozze regali e affascinata dallo spirito francescano, fondò l’ospedale di S. Francesco, affidandolo all’Ordine dei Crocigeri della Stella Rossa, e il monastero di S. Francesco per le «Sorelle Povere» o «Damianite» (Clarisse), divenendone badessa e figlia spirituale di s. Chiara d’Assisi con la quale ebbe un intenso scambio epistolare di cui ci restano 4 lettere (si veda Fonti francescane, nn. 2883-2911), proclamata santa da Giovanni Paolo II nel 1989. & A Roma, nella Sala Stampa della Santa Sede, presentazione della Rete Ecclesiale Panamazzonica, fra le diocesi che includono nel loro territorio sacerdoti, congregazioni, Caritas e laici impegnati nella giungla amazzonica (ore 11-12.30: http://player.rv.va/ rv.player01.asp?language =it&visual=Vatican Tic&Tic=VA_96FDNKZO).

▪ Martedì 3 marzo: A Brescia, s. Teresa Eustochio Verzeri († 1852), fondatrice delle Figlie del Sacro Cuore di Gesù, educatrici e guide delle ragazze povere, orfane e abbandonate, canonizzata da Giovanni Paolo II nel 2001. Giornata Mondiale della Fauna Selvatica per ricordare le specie più a rischio di estinzione, minacciate dal bracconaggio (elefanti, rinoceronti, tigri…): Stop ai crimini contro fauna e flora.

▪ Mercoledì 4 marzo: S. Casimiro († 1484), figlio del re di Polonia, appartenente alla dinastia degli Jagelloni, di origine lituana, che rifulse per la generosità verso i poveri («difensore dei poveri») e per la devozione verso l’Eucaristia e la Madonna (nella sua bara fu posta una copia del suo inno preferito: «Omni die dic Marie»), morto di tubercolosi a soli 26 anni a Grodno presso Vilnius, patrono della Polonia e della Lituania. & In Vaticano, in Piazza S. Pietro, udienza generale di Papa Francesco per la catechesi del mercoledì (ore 9.50-11.30: http://player.rv.va/ rv.player01.asp? language =it&visual = VaticanTic &Tic=VA_96 FDNKZO).

▪ Giovedì 5 marzo: A Roma, s. Lucio († 254), 22° papa della Chiesa cattolica che subì l’esilio per la fede in Cristo e affrontò le difficoltà del suo tempo con moderazione e prudenza, sepolto in un compartimento della cripta papale nelle Catacombe di S. Callisto sulla Via Appia. & Al «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido, adorazione eucaristica (ore 17-18).

 Venerdì 6 marzo: 3ª edizione della Giornata Europea dei Giusti, con il motto: «Chi salva una vita, salva il mondo intero», proclamata nel 2012 dal Parlamento europeo, un appuntamento per commemorare coloro che si sono opposti con responsabilità individuale ai crimini, ai genocidi e ai totalitarismi contro l’umanità, per ricordare tutte le storie di bene e di altruismo fatte da uomini nei momenti bui dell’umanità, per celebrare coloro che lottano contro le ingiustizie, per rendere omaggio anche a tutti gli arabi e a tutti i musulmani che oggi, in quelle condizioni difficili, cercano di difendere la dignità umana. & A Viterbo, b. Rosa († 1251), penitente francescana, patrona della gioventù femminile dell’Azione Cattolica, patrona della città e compatrona della diocesi. & A Gand nelle Fiandre, nell’odierno Belgio, s. Coletta Boylet († 1447), contemporanea di s. Giovanna d’Arco, riformatrice dei monasteri delle Clarisse («monasteri colettini»), chiamata «seconda madre delle Clarisse». A Bratislava in Slovacchia, sessione conclusiva del 2° incontro europeo dei consiglieri giuridici, promosso dal Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, per mettere a fuoco il tema della libertà, declinata sotto due aspetti: la libertà di espressione e il diritto all’obbiezione di coscienza. & In Vaticano, nella Cappella Redemptoris Mater, 2ª predica di Quaresima, tenuta da p. Raniero Cantalamessa, sul tema «Oriente ed Occidente uniti nella stessa professione di fede» (ore 9-: http://player.rv.va/ rv.player01.asp? language=it &visual=VaticanTic &Tic=VA_ L9BYHO16); nell’Aula Paolo VI, udienza di Papa Francesco ai membri del Cammino Neocatecumenale (ore 11.30-12.30); nell’Aula Nuova del Sinodo, Workshop dell’assemblea plenaria della Pontificia Accademia per la Vita, aperto al pubblico, sul tema: «L’assistenza agli anziani e le cure palliative», con l’obbiettivo di avvicinare scienza e fede al servizio di tutti coloro che aiutano gli anziani bisognosi di cure specifiche, in famiglia, nella società, in ospedale (l’anziano non deve essere considerato un optional nella società, ma fino alla fine un soggetto). & Al «Sacro Cuore» di Catanzaro Lido, Via crucis, animata dai gruppi parrocchiali (ore 17.15-18).

▪ Sabato 7 marzo: Ss. Felicita e Perpetua († 203), giovani catecumene, arrestate a Cartagine sotto l’imperatore Settimio Severo e condannate a morte per la loro “professione di fede” in Cristo (Nei Promessi sposi, il Manzoni ha chiamato Perpetua la donna di servizio in casa di don Abbondio; il nome di quel personaggio letterario è passato poi a indicare una categoria di donne: quella delle “perpetue”, addette alla cura delle canoniche). & A Roma, in Piazza S. Pietro, udienza di Papa Francesco ai membri del Movimento di Comunione e Liberazione per il 60° di fondazione e il 10° anniversario della morte di don Luigi Giussani (ore 10.25-12.45), e nella Parrocchia romana di Ognissanti, sulla Via Appia Nuova, visita pastorale, nel 50° della prima Messa celebrata da Papa Paolo VI in italiano, secondo le nuove norme liturgiche del Concilio Vaticano II, nella chiesa costruita da don Luigi Orione, canonizzato da Giovanni Paolo II nel 2004 (ore 17.50-19.15: http://player.rv.va/ rv.player01.asp? language=it& visual=Vatican Tic&Tic=VA_L9BYHO16).

 Domenica 8 marzo: 3ª di Quaresima, detta della Samaritana (Es 20,1-17; Sal 18; 1 Cor 1,22-25; Gv 2,13-25). & S. Giovanni di Dio († 1550), religioso, fondatore dell’Ordine dei Fratelli Ospedalieri Donna 3(«Fatebenefratelli»), patrono degli ospedali, infermieri, ammalati, librai e stampatori. & Giornata Internazionale della Donna, nota come «Festa della Donna», un’occasione per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono ancora fatte oggetto in molte parti del mondo, ma anche per fare un piccolo grande gesto di solidarietà per nonne, mamme, spose, sorelle, badanti e consacrate, e dire grazie per tutte le espressioni del «genio» femminile… & A Roma, in Piazza S. Pietro, incontro di Papa Francesco con i pellegrini per la recita della preghiera mariana dell’Angelus Domini e per una breve riflessione (ore 12-12.30), e, nella Parrocchia romana del SS. Redentore a Tor Bella Monaca, visita pastorale (ore 16-: http://player.rv.va/ rv.player01.asp? language=it &visual= VaticanTic& Tic=VA_ 96FDNKZO).

Per approfondimenti sul cammino quaresimale si vedano:

«Rinfrancate i vostri cuori» (Gc 5,8). Messaggio di Papa Francesco per la Quaresima 2015 (http://w2.vatican.va/content/francesco/it/messages/lent/documents/papa-francesco_20141004_ me ssaggio-quaresima 2015.html)

Amici, a tutti voi l’augurio di buona Quaresima. La trasfigurazione, e non la sfigurazione, è il punto di arrivo dell’uomo e dell’universo. Il nostro volto non è quello disfatto dallo sfacelo della morte, ma quello trasfigurato della risurrezione. A questa trasfigurazione non si contrapponga alcuna violenza nel nostro cuore.

Piotr Anzulewicz OFMConv

1 Commento

  • Loredana Bassan 2 marzo 2015 at 14:30

    Desidero condividere con i visitatori di questo sito (che mi auguro numerosi) le parole del nostro carissimo e amato Papa Francesco: «Nel cuore – ha affermato Papa Francesco il 22 febbraio all’Angelus, al termine del quale ha fatto distribuire ai presenti un piccolo sussidio per la riflessione quaresimale – si gioca la partita delle scelte quotidiane tra bene e male, tra mondanità e Vangelo, tra indifferenza e condivisione. L’umanità ha bisogno di giustizia, di pace, di amore e potrà averle solo ritornando con tutto il cuore a Dio, che è la fonte di tutto questo». ***E’ davvero un dono di Dio il nostro carissimo Papa Francesco: egli sa comprendere, sorreggere, consigliare e, quando necessario, richiamarci all’essenza, al significato della vita e del nostro essere cristiani. Preghiamo per lui, perché possa continuare ad essere un testimone entusiasta e coraggioso del messaggio di Cristo.

    Rispondi

Lascia un commento